fbpx

La retribuzione delle ferie

Condividi l'articolo

Per la maggior parte dei lavoratori dipendenti il mese di agosto è stato caratterizzato dalla fruizione di giornate di ferie. Per tale ragione risulta utile capire la finalità di questo istituto e, soprattutto, come il datore di lavoro debba retribuire queste giornate.

Punti Salienti

Le ferie

Anzitutto dobbiamo ricordare che il periodo minimo di 4 settimane di ferie rappresenta un vero e proprio diritto per il lavoratore, finalizzato a permettergli il recupero delle energie psicofisiche (ne avevamo già parlato anche qui “Malattia durante il periodo di ferie”).

Il datore di lavoro, quindi, non solo è obbligato ad assegnarle, consentendo al lavoratore di assentarsi legittimamente dal servizio, ma ha anche l’obbligo per tale periodo di corrispondere la retribuzione.

Hai bisogno di una consulenza?

La retribuzione durante le ferie

Nel periodo di ferie il lavoratore ha diritto a una retribuzione uguale a quella che avrebbe percepito se avesse lavorato.

Nel nostro ordinamento, tuttavia, esistono diverse definizioni di retribuzione (normale, ordinaria, di fatto ecc..) e la contrattazione collettiva può prevedere apposite clausole sugli elementi che devono rientrare nella base di calcolo della retribuzione per il periodo di ferie.

La giurisprudenza1, quindi, per fare chiarezza sulla retribuzione del periodo feriale ha stabilito che per tale periodo il lavoratore ha diritto ad una retribuzione uguale a quella che avrebbe percepito se avesse lavorato, comprensiva della media dei compensi per lavoro straordinario percepiti nell’anno di riferimento. Deve quindi ritenersi nullo ogni accordo, individuale o collettivo, che preveda una retribuzione per il periodo feriale inferiore a detta misura.

In base a tale criterio, la Cassazione2 ha recentemente dichiarato la nullità della clausola del CCNL del Trasporto aereo che escludeva dalla retribuzione feriale corrisposta al lavoratore – per le 4 settimane di ferie previste per legge – l’indennità di volo integrativa, riconosciuta, invece, per le normali giornate di lavoro in presenza.  

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

In conclusione

Alla luce di quanto stabilito dalla giurisprudenza il periodo minimo di 4 settimane di ferie deve essere retribuito al pari delle normali giornate di lavoro. Tale retribuzione, quindi, dovrà comprendere anche tutti quegli elementi retributivi che sono normalmente riconosciuti al dipendente durante il periodo di lavoro.

Vuoi parlare con un esperto? Vuoi far valutare il tuo caso o avere maggiori informazioni? Scrivici qui.

Nota bene

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. 
Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash


1 Cassazione n. 14955 del 20 novembre 2000
2 Cassazione n. 20216 del 23 giugno 2022

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ultime news

Come si legge il verbale di invalidità civile? - Studio Legale Rosetta
Come si legge il verbale di invalidità civile?
Il fenomeno delle grandi dimissioni - Studio Legale Rosetta
Il fenomeno delle grandi dimissioni
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto? - Studio Legale Rosetta
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto?

Iscriviti alla nostra newsletter

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche