fbpx

Indennizzo Inail anche in caso di mobbing

Condividi l'articolo

La Corte di Cassazione ha ritenuto applicabile la tutela assicurativa Inail anche al mobbing.

La Suprema Corte afferma che ogni forma di tecnopatia di natura fisica o psichica, che sia conseguenza dell’attività lavorativa svolta deve essere assicurata dall’Inail.

Rientra nell’ambito della malattia professionale la malattia derivante dal mobbing sul lavoro.

Si tratta di una decisione che muta l’orientamento precedente secondo cui le malattie indennizzabili sono solo quelle inserite nel Dpr 1124/1965.

La copertura assicurativa è estesa a ogni forma di tecnopatia conseguente all’attività lavorativa, anche se non compresa tra le malattie o i rischi tabellati.

Cassazione n. 8948/2020

Punti Salienti

La vicenda

Un lavoratore presentava la domanda per il riconoscimento della malattia professionale causata dalla condotta vessatoria tenuta nei suoi confronti dal datore di lavoro. Il Tribunale respingeva il ricorso ritenendo non tutelabile la malattia in quanto non tabellata, ossia contratta nell’esercizio ed a causa delle lavorazioni specifiche, previste dalle tabelle Inail. Nel caso in oggetto la malattia del lavoratore derivava da situazioni di costrittività organizzativa, come il mobbing.

Hai bisogno di una consulenza?

La decisione

La Cassazione ha accolto la domanda, precisando che nell’ambito dell’assicurazione sociale assume rilievo non solo il rischio specifico proprio della lavorazione, ma anche quello c.d. specifico improprio, ovvero il rischio non strettamente insito nell’atto materiale della prestazione ma collegato con la prestazione stessa. Ciò è confermato dalla normativa di riferimento, la L. n. 38 del 2000, art. 10, comma 4, secondo cui:

Sono considerate malattie professionali anche quelle non comprese nelle tabelle di cui al comma 3 delle quali il lavoratore dimostri l’origine professionale.

Per tali ragioni, secondo la Suprema Corte sono indennizzabili tutte le malattie di natura fisica o psichica la cui origine sia riconducibile al rischio del lavoro, sia che riguardi la lavorazione, sia che esso sia riferito l’organizzazione del lavoro e le modalità della sua esplicazione.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

Il commento

La decisione in esame trova senz’altro riscontro nel fondamento della tutela assicurativa da individuarsi nell’art. 38 della Costituzione.

L’art. 38, ha per oggetto l’infortunio in sé e non il rischio di infortuni o di malattia professionale, bensì questi eventi in quanto incidenti sulla capacità di lavoro e collegati da un nesso causale con attività tipicamente valutata dalla legge come meritevole di tutela.

Pensi di aver subito le conseguenze del mobbing e di avere diritto ad un indennizzo?

Se l’articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, faccelo sapere premendo sull’icona del cuore.

Vuoi parlare con un esperto? Vuoi far valutare il tuo caso o avere maggiori informazioni? Scrivici qui.

Nota bene

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. 
Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 

Photo by Ohmydearlife on Pixabay

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ultime news

Come si legge il verbale di invalidità civile? - Studio Legale Rosetta
Come si legge il verbale di invalidità civile?
Il fenomeno delle grandi dimissioni - Studio Legale Rosetta
Il fenomeno delle grandi dimissioni
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto? - Studio Legale Rosetta
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto?

Iscriviti alla nostra newsletter

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche