fbpx

Blocco dei licenziamenti in caso di inidoneità fisica.

Condividi l'articolo

Ti sei sottoposto alla chemioterapia o sei ancora in trattamento e pensi di avere diritto all’indennità di accompagnamento?

Sei un datore di lavoro e non sai se il blocco dei licenziamenti è valido in caso di inidoneità del dipendente alla mansione?

Sei un lavoratore che ha ricevuto una lettera di licenziamento e non ti è chiaro se è applicabile il blocco dei licenziamenti?

Scopriamo insieme in questo articolo come si sono pronunciati i Tribunali sui limiti di applicazione del blocco dei licenziamenti

Il licenziamento adottato dall’impresa nei confronti di un lavoratore dipendente divenuto inidoneo alla mansione è stato dichiarato nullo, poiché rientrante nel blocco dei licenziamenti dovuto all’emergenza Covid-19.

La vicenda.

Un lavoratore dipendente era stato licenziato per giustificato motivo oggettivo ad aprile del 2020.

Il lavoratore era stato giudicato dal medico competente non più idoneo a svolgere la sua mansione lavorativa, a causa di sopravvenuta inidoneità fisica alla mansione.

Il licenziamento per inidoneità fisica sopravvenuta integra, per giurisprudenza e dottrina consolidate, un motivo oggettivo (categoria frammentaria e che comprende tutto ciò che non è disciplinare).

Il lavoratore agiva quindi in giudizio nei confronti del datore di lavoro al fine di vedere accertata la nullità del licenziamento, in quanto adottato in violazione dell’attuale divieto dei licenziamenti.

La decisione. Il raggio d’azione del Blocco dei licenziamenti.

Il Tribunale di Ravenna afferma che nel blocco dei licenziamenti rientra anche l’ipotesi di inidoneità fisica del dipendente alla mansione, condannando così la società alla reintegra del lavoratore.

A parere di chi scrive non possono esservi dubbi sulla ricomprensione nell’ambito applicativo del blocco del licenziamento per G.M.O. di cui all’art. 46 anche del licenziamento per sopravvenuta inabilità. Non solo perché tale motivo di licenziamento è indubbiamente oggettivo (non è disciplinare) nella dicotomia dell’art. 3 della L. n. 604/1966. Ma anche perché, in concreto, per tale licenziamento valgono le stesse ragioni di tutela economica e sociale (…) che stanno alla base di tutte le altre ipotesi di licenziamento per G.M.O. che la normativa emergenziale ha inteso espressamente impedire.

Trib. Ravenna, Sezione Lavoro, sentenza del 7 gennaio 2021.

Conclusioni

La sentenza si è distinta per aver considerato l’impossibilità sopravvenuta alla mansione quale motivo economico, con conseguente applicazione della tutela reintegratoria e condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno.

Hai una problematica simile e vuoi parlare con un esperto o avere maggiori informazioni? Contatta lo studio per richiedere una consulenza.

Avvertenze

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ultime news

Come si legge il verbale di invalidità civile? - Studio Legale Rosetta
Come si legge il verbale di invalidità civile?
Il fenomeno delle grandi dimissioni - Studio Legale Rosetta
Il fenomeno delle grandi dimissioni
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto? - Studio Legale Rosetta
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto?

Iscriviti alla nostra newsletter

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche