Il risarcimento da eccesso di straordinario

Il risarcimento da eccesso di straordinario - Studio Legale Rosetta

Share:

Il datore di lavoro ti chiede costantemente di svolgere ore di lavoro straordinario? Potresti avere diritto ad un risarcimento del danno da usura psico-fisica.

In breve: In questo articolo approfondiremo quanto recentemente stabilito dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 26450 del 29.09.2021 proprio in materia di lavoro straordinario chiarendo anzitutto cosa si intende per lavoro straordinario, come si calcola, se è possibile rifiutarsi di svolgerlo ed, infine, argomentando la pronuncia della Cassazione, in che misura può essere richiesto dal datore di lavoro.

Punti salienti

Cos’è il lavoro straordinario?

Per lavoro straordinario si intende il lavoro prestato oltre il normale orario settimanale di lavoro che, nella maggior parte dei casi, è di 40 ore. 

È considerato lavoro straordinario, quindi, quello reso oltre la quarantesima ora settimanale. 

Come si calcola lo straordinario ?

Anzitutto la prestazione di lavoro straordinario, per espressa previsione di legge, deve essere computata a parte, deve cioè avere un’apposita voce in busta paga, così da evidenziarne chiaramente l’importo.

Ciò detto le ore di lavoro straordinario devono essere retribuite con le maggiorazioni previste dai singoli contratti collettivi di lavoro, ad esempio (il 15% in più della retribuzione ordinaria per le ore di lavoro comprese tra la 41 e la 48) 

È possibile rifiutarsi di svolgere lavoro straordinario?

La regola generale prevede che il lavoratore possa rifiutarsi di svolgere lavoro straordinario, salvo che ricorrano: a) eccezionali esigenze tecnico-produttive; b) uno dei motivi indicati nel contratto collettivo applicato dal datore di lavoro. 

Lavori in nero o più ore del dovuto?

In che misura può essere richiesto il lavoro straordinario?

Il lavoro straordinario, sommato al lavoro normale, deve essere contenuto entro il limite massimo settimanale di orario stabilito dai singoli contratti collettivi, e comunque, non eccedere le 48 ore (di media). È previsto anche il limite massimo annuale di 250 ore. 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

Cosa accade se non vengono rispettati i limiti previsti dalla legge?

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 26450 del 29.09.2021 ha affermato che il dipendente che abbia svolto un numero di ore di lavoro straordinario di gran lunga superiore ai limiti previsti dalla legge e dal CCNL applicato, ha diritto al risarcimento del danno da usura psico-fisica, la cui esistenza è presunta in quanto lesione del diritto garantito dall’art. 36 Cost. 

Da ciò consegue che, il lavoratore che abbia reso un numero eccessivo di ore di straordinario, per ottenere il risarcimento del danno da usura psico-fisica, dovrà dimostrare solamente il numero delle ore di straordinario svolte ed il periodo di riferimento.

Vuoi parlare con un esperto? Vuoi far valutare il tuo caso o avere maggiori informazioni? Scrivici qui.

Nota bene

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. 
Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 

Photo by Jon Tyson on Unsplash

Se vuoi leggere ulteriori nostri articoli li trovi qui

SHARE

Logo Studio Legale Rosetta

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

82 risposte

  1. Pingback: vitaliy-abdulov.ru

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche