fbpx

Cosa fare quando il datore di lavoro non consegna le buste paga

Condividi l'articolo

Sei un lavoratore regolarmente assunto, tuttavia, il datore di lavoro non ti consegna le buste paga. 

Questo comportamento è illegittimo, anche se ti vengono regolarmente pagate le retribuzioni. 

La mancata consegna delle buste paga, infatti, non consente al lavoratore di verificare la correttezza del pagamento ricevuto. 

Punti Salienti

Cos’è la busta paga

Anzitutto è bene chiarire che la busta paga (nota anche come “prospetto paga” o “cedolino”) è quel documento che indica la somma percepita dal lavoratore come compenso per un determinato periodo di lavoro. 

Nella busta paga, infatti, devono essere indicate tutte le voci di retribuzione lorda e le relative trattenute che, mediante una semplice sottrazione matematica, portano alla retribuzione netta.  

Attraverso la consegna della busta paga, dunque, il lavoratore ha modo di verificare la correttezza di quanto viene pagato dal datore di lavoro. 

Hai bisogno di una consulenza?

Quando deve essere consegnata la busta paga

La legge n. 4/1953 stabilisce espressamente all’art. 3 che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”. 

Il datore di lavoro, quindi, è obbligato per legge a consegnare la busta paga nel momento in cui effettua il pagamento della retribuzione. 

La busta paga può essere consegnata a mano in forma cartacea, oppure inviata tramite email. 

La prova della consegna della busta paga, entro la scadenza prevista, spetta sempre al datore di lavoro.
È possibile, quindi, che il datore chieda al lavoratore di firmare la busta paga “per ricevuta” o per “presa visione e accettazione”. 

Tale firma, tuttavia, non dimostra né la correttezza dei dati riportati nella busta paga, né l’avvenuto pagamento della retribuzione. 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

Cosa fare se il datore di lavoro non consegna la busta paga

Se il datore di lavoro non consegna la busta paga, violando quindi la legge, il dipendente può tutelarsi domandando ad un avvocato di inviare al datore una lettera di diffida alla consegna della busta paga. 

Se il datore di lavoro comunque non consegna la busta paga, il lavoratore potrà rivolgersi all’Ispettorato Territoriale del Lavoro (ITL) oppure al giudice, tramite il proprio avvocato ed ottenere così un decreto d’ingiunzione alla consegna delle buste paga

Se l’articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, faccelo sapere premendo sull’icona del cuore.

Vuoi parlare con un esperto? Vuoi far valutare il tuo caso o avere maggiori informazioni? Scrivici qui.

Nota bene

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. 
Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 

Photo by Davide Baraldi on Unsplash

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ultime news

Come si legge il verbale di invalidità civile? - Studio Legale Rosetta
Come si legge il verbale di invalidità civile?
Il fenomeno delle grandi dimissioni - Studio Legale Rosetta
Il fenomeno delle grandi dimissioni
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto? - Studio Legale Rosetta
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto?

Iscriviti alla nostra newsletter

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche