fbpx

Quando sono lecite le investigazioni del datore di lavoro? Il caso dei lavoratori che andavano a fare la spesa

Condividi l'articolo

Sui giornali esce la notizia dei primi licenziamenti da parte della società che gestisce la raccolta rifiuti in alcuni comuni della cintura sud di Torino. Dopo aver sospeso i lavoratori pizzicati a fare altro durante l’orario di lavoro, la società procedeva al licenziamento di quest’ultimi poiché sorpresi dalle agenzie investigative. Invece di pulire e svuotare cassonetti, i lavoratori sarebbero stati impegnati a stare al bar o a fare la spesa, per poi portala anche a casa, durante l’orario di lavoro.

Nel citato articolo, esce il tema delle investigazioni portate avanti dal datore e sulla liceità o meno di tali investigazioni.

Cerchiamo allora di fare chiarezza.

In breve: In questo articolo illustreremo alcuni casi in cui la Cassazione ha ritenuto valido il licenziamento disciplinare basato su delle investigazioni private.

Punti Salienti

Guarda il video completo

Il datore di lavoro può controllare i propri dipendenti?

Secondo l’art.3 dello Statuto dei Lavoratori, il datore di lavoro ha il diritto di controllare il corretto adempimento delle attività lavorative a cui è delegato il dipendente. Il controllo potrà essere svolto delegando dei dipendenti dell’impresa i cui nominativi e le mansioni di “addetto alla vigilanza” debbono essere comunicati ai lavoratori interessati.

Allo stesso modo, per evitare controlli di carattere intimidatorio e poliziesco, al datore di lavoro è consentito utilizzare le guardie giurate soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non per il controllo dell’attività lavorativa. Tanto che l’utilizzo delle guardie giurate al di fuori dei limiti di legge è sanzionato penalmente ai sensi dell’art. 38 L. n. 300 del 1970, con previsione di sanzioni gravi in via amministrativa anche per le guardie giurate1.

Se dunque sussiste per il datore di lavoro un divieto generale di controllo occulto, il datore può o non può utilizzare le agenzie investigative? Secondo la Cassazione, il datore può utilizzare le agenzie investigative, ma a certe condizioni. Vediamo quali.

Hai bisogno di una consulenza?

Un semplice sospetto può legittimare l’utilizzo delle agenzie investigative?

Come anticipato il datore di lavoro non può delegare delle persone al controllo delle attività lavorative senza comunicarlo prima ai lavoratori, questo anche nel rispetto della dignità del lavoro e dei lavoratori. Discorso a parte riguarda il caso in cui si tratti di comportamenti di rilevanza disciplinare (ad es. sottrazione di somme, falsi certificati medici).

Secondo la Cassazione ove il datore di lavoro sia indotto a sospettare che il mancato svolgimento dell’attività lavorativa sia riconducibile alla perpetrazione di un illecito, anche il solo sospetto o la mera ipotesi che un illecito sia in corso di esecuzione giustifica il controllo tramite agenzie investigative2

Il lavoratore infortunato trovato in centro a fare shopping col figlio sulle spalle

Se come anticipato al datore di lavoro è consentito avvalersi di agenzie investigative per verificare comportamenti disciplinarmente rilevanti. Questo può avvenire anche al di fuori del luogo di lavoro? La risposta è si.

Un caso piuttosto noto fu quello del lavoratore datosi per infortunato a causa un trauma contusivo con lesione lacero contusa dovuto ad una caduta a bordo del proprio scooter, occorsa mentre si allontanava dal cantiere presso cui svolgeva le mansioni di montatore di scavo e addetto all’assemblaggio di navi. Il lavoratore, si badi, presentava certificazione del pronto soccorso, munita di prescrizione di riposo assoluto per alcuni giorni e trasmissione degli atti all’INAIL.

Tuttavia, lo stesso lavoratore si vedeva recapitare un licenziamento per giusta causa fondato sull’attività investigativa svolta dal datore di lavoro. L’agenzia investigativa aveva infatti verificato che il lavoratore si era in realtà dedicato ad attività fisiche, pedalando per ore e camminando per il centro cittadino con il figlio sulle spalle.

In questo caso, la Cassazione riteneva corretto e pienamente legittimo il controllo del datore di lavoro sia perché basata su di un sospetto oltremodo fondato sia perché, trattandosi di infortunio sul lavoro e non di assenza per malattia, non sarebbe stata neppure possibile inviare la visita fiscale3.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

L’accertamento difensivo è sufficiente a dare prova dell’inadempimento?

Non sempre l’accertamento difensivo effettuato tramite agenzia investigativa è sufficiente a fornire prova o a motivare un licenziamento.

Va ricordato che in giudizio non sussiste alcun automatismo, poiché la documentazione presentata dall’agenzia – al pari di ogni altra prova – viene sempre sottoposta alla valutazione del Giudice. Non sono mancate pronunce della Cassazione in cui si giudicava la perizia investigativa non idonea a fornire prova perché troppo lacunosa4

Tuttavia, va ricordato che gli agenti investigativi possono essere validamente testimoniare in giudizio.

Conclusioni

Pertanto, al datore di lavoro è consentito di verificare il lavoro dei suoi dipendenti ma non può eseguire controlli continuativi od occulti sul lavoro svolto dai propri lavoratori, salvo il caso vi siano elementi che possano portare a sospettare di comportamenti di rilevanza disciplinare.

Se l’articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, faccelo sapere premendo sull’icona del cuore.

Vuoi parlare con un esperto? Vuoi far valutare il tuo caso o avere maggiori informazioni? Scrivici qui.

Nota bene

Il presente articolo ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali relative ai temi trattatati dallo Studio Legale. 
Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutiva di una specifica consulenza legale. 


1MARVASI, Le prove nel processo lavoro, Milano 2021, p. 452 e ss.
2Cass. civ., Sez. lavoro, Ordinanza, 17/06/2020, n. 11697
3Cass. civ., Sez. lavoro, Ordinanza, 17/06/2020, n. 11697
4Cass. civ., Sez. lavoro, Ordinanza, 19/06/2020, n. 12032

Photo by Marten Newhall on Unsplash

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ultime news

Come si legge il verbale di invalidità civile? - Studio Legale Rosetta
Come si legge il verbale di invalidità civile?
Il fenomeno delle grandi dimissioni - Studio Legale Rosetta
Il fenomeno delle grandi dimissioni
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto? - Studio Legale Rosetta
Mi voglio dimettere, come incide la cessione del quinto?

Iscriviti alla nostra newsletter

Studio Legale Rosetta Chat
Invia su WhatsApp

Per le imprese

Per i privati

Per le no profit

Per avvocati e consulenti del lavoro

Per i pratonati

Per l'organizzazione di convegni o eventi formativi

Servizi e Collaborazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

per rimanere sempre aggiornato su casi e tematiche